La Processionaria del Pino è una farfalla le cui larve si sviluppano su Conifere, pini in particolare, arrecando danni alle piante e causando a persone ed animali. Le larve della Processionaria sono presenti in nidi dall’autunno fino alla primavera quando muovendosi in lunghe file raggiungono il terreno per trasformarsi in crisalide.

 

Verso la fine dell’estate dalle crisalidi fuoriescono gli adulti che avviano la nuova generazione deponendo le uova attorno agli aghi dei pini.

L'Ordinanza Sindacale in allegato ha come oggetto la lotta alla processionaria del pino e richiede a tutti i proprietari di piante di pino, cedri e douglasie di:

 

  • provvedere, a verificare la presenza di nidi della processionaria del pino sulle cime e sulle branche laterali della pianta;
  • provvedere, qualora vengano riscontrati i nidi, alla tempestiva rimozione da parte di operatori adeguatamente protetti e al successivo loro abbruciamento;
  • per alberi adiacenti proprietà o viabilità pubbliche, isolare con nastro e cartellonistica che segnali lapresenza delle larve nella zona soggiacente le chiome infestate nel caso non sia possibile effettuarela rimozione dei nidi;

Eventuali danni a persone e/o animali ricadono sotto la responsabilità del proprietario delle piante infestate.

 

L’attività preventiva nelle aree pubbliche viene fatta durante tutto l’anno dall'Amministrazione Comunale che si occupa del monitoraggio in ambito urbano provvedendo alla rimozione dei nidi che vengono rilevati.

Nel caso in cui, nonostante l’attività di eliminazione dei nidi, siano avvistati in area pubblica transiti di processionarie sul terreno o presenza di nidi tra i rami è necessario durante tutto il periodo dell’anno fare una segnalazione all'Ufficio Ambiente o al comando di Polizia Municipale e in attesa dell’intervento mantenersi lontani dall’area di rilevamento.


Per ogni informazione contattare il Servizio Fitosanitario Regionale:
Via Alessandro Manzoni 16 (Villa Poggi) 50121 Firenze Telefono 055 4384076 Fax 055 4383990

 

Si rende disponibile il provvedimento e il materiale informativo predisposto dalla Regione Toscana e l'Ordinanza del Sindaco del 3 marzo 2021. (in allegato)

 

 

 

torna all'inizio del contenuto