NOVITA' per il  2022

  • MODELLO 21 -Nelle more del pronunciamento della Corte dei Conti a sezioni riunite e ai sensi di quanto stabilito dalle sentenze n. 162/2021 e n. 199/2021 della Sezione Regionale della Corte dei Conti della Toscana, NON è richiesta la presentazione del conto di gestione (Modello 21) per l'anno 2021.
  • TARIFFE  -  Con Delibera Giunta Municipale n. 302 del 16/12/2021 sono state approvate le nuove tariffe dell' Imposta di soggirono in vigore dal 01/02/2022

 

 

IMPORTANTE PRECISAZIONE SU  DICHIARAZIONE ANNUALE RELATIVA ALL'ANNO DI IMPOSTA 2020

L'art. 25, comma 3-bis, D.L. 22 marzo 2021, n. 41 (convertito con L. 21 maggio 2021, n. 69) ha stabilito che la dichiarazione annuale relativa all'anno d'imposta 2020, deve essere presentata unitamente alla dichiarazione relativa all'anno d'imposta 2021. La dichiarazione deve essere presentata cumulativamente ed esclusivamente in via telematica entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui si è verificato il presupposto impositivo; pertanto le dichiarazioni annuali relative al 2020 e al 2021 dovranno essere presentate entro il 30.6.2022, secondo le modalità approvate con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze.

Si ricorda a tutti i gestori di verificare che siano state inserite tutte le dichiarazioni trimestrali per l'anno 2020 e per l'anno in corso, anche per il periodo di sospensione dell'attività .

 

Che cosa è l'Imposta di Soggiorno?

Con deliberazione del Consiglio Comunale n.25 del 30.03.2012, immediatamente esecutiva, è stata istituita l'imposta di soggiorno nel territorio del Comune di Montespertoli, in applicazione dell'art.4, comma1, del D.Lgs. 14.03.2011, n.23. L'imposta è applicata a decorrere dal 1° giugno 2012.

Il gettito dell'imposta è destinato a finanziare interventi per la promozione del turismo, la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali, nonchè i servizi pubblici locali attinenti.

 

Presupposto per l'applicazione dell'imposta

L'imposta è corrisposta per ogni pernottamento  (ovvero a persona per notte) nelle strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere ubicate nel territorio di Montespertoli fino ad una massimo di 8 pernottamenti complessivi nell'anno solare. L'imposta non si applica oltre il 6°pernottamento consecutivo nella medesima struttura ricettiva.

Con deliberazione del Consiglio Comunale n.75 del 29/11/2017, mediante modifica regolamentare in vigore dal 01/02/2018, sono stati disciplinati e ricompresi tra le strutture ricettive anche gli immobili destinati alla locazione breve di cui all’art. 4 del Decreto Legge 24 aprile 2017, n.50 convertito in Legge n.96 del  21 giugno 2017.

  

Chi deve pagare

L'imposta è dovuta da ogni soggetto, non residente nel comune di Montespertoli, che pernotta nelle strutture alberghiere ed extralberghiere situate nel territorio del Comune di Montespertoli, compresi - a decorrere dal 01/02/2018 - gli immobili destinati alla locazione breve di cui all’art. 4 del Decreto Legge 24 aprile 2017 n.50 convertito in Legge n.96 del  21 giugno 2017.

 

Ai sensi delle vigenti normative (Dlgs 23/2011 -  DL 34/2020  convertito in L 77/2020)  il gestore della struttura ricettiva, il soggetto che incassa il canone o il corrispettivo della locazione breve  è responsabile del pagamento dell'imposta di soggiorno con diritto di rivalsa sui soggetti passivi, della presentazione della dichiarazione nonchè degli ulteriori adempimenti previsti dalla legge e dal  vigente  Regolamento Comunale.

I gestori dell strutture ricettive, i soggetti che incassano il canone o corrispettivo della locazione breve ovvero che intervengono nel pagamento dei predetto canoni o corrispettivi, provvedono alla relativa riscossione dell'imposta e al successivo integrale versamento della stessa al Comune di Montespertoli

 

Quanto si paga

L'imposta è graduata e commisurata con riferimento alla tipologia delle strutture ricettive. Le misure dell'imposta sono state stabilite con delibera della Giunta Comunale n.79 del 05/04/2012, aggiornate con deliberazione della Giunta Comunale n.326 del 28/12/2017 per quanto attiene la tipologia delle locazioni brevi.

 

Con Delibera GM n. 302 del 16/12/2021 sono state approvate le nuove tariffe  in vigore dal 01/02/2022 e sono riassunte nella seguente tabella:

TIPOLOGIA STRUTTURA Tariffe fino al 31/01/2022 Tariffe dal 01/02/2022
HOTEL 5* € 2,50 € 3,50
HOTEL 4* € 2,00 € 2,00
HOTEL 3* € 2,00 € 2,00
HOTEL 2* € 1,00 € 1,00
HOTEL 1* € 1,00 € 1,00
RTA € 1,50 € 2,50
     
CAMPEGGI 1,2,3,4* € 1,00 € 1,00
AGRICAMPEGGI € 0,30 € 0,50
OSTELLI € 0,50 € 0,50
CASE PER FERIE € 0,30 € 0,50
     
AFFITTACAMERE PROFESSIONALI € 1,00 € 2,00
AFFITTACAMERE NON PROFESSIONALI € 0,50 € 1,50
CASE VACANZE € 1,00 € 2,00
RESIDENZE D'EPOCA € 1,00 € 1,00
     
RESIDENCE 2,3,4* € 1,00 € 2,00
     
AGRITURISMO 1,2,3 spighe € 1,00 € 2,00
     
LOCAZIONI BREVI € 0,50 € 1,50
     
LOCAZIONI BREVI E STRUTTURE EXTRA-ALBERGHIERE IN CASO DI INCASSO DIRETTO DA GESTORI DI PORTALI TELEMATICI E/O PORTALI ON LINE € 1,00 € 1,00

Il procedimento

I gestori sono tenuti ad informare i propri ospiti riguardo all’esistenza dell’imposta di soggiorno, qualunque sia il canale utilizzato dalla struttura per pubblicizzarsi, compresi tutti i siti web e portali/piattaforme online. 

Con riguardo all'imposta dovuta dagli ospiti il gestore della struttura può:

  1. inserire il relativo importo in fattura indicando come "operazioni fuori campo IVA";

  2. emettere una semplice ricevuta nominativa al cliente (mantenendo la copia come di regola).

I gestori hanno l’obbligo di dichiarare all’Ente con cadenza trimestrale, entro il 16 del mese successivo alla fine del trimestre, il numero di coloro che hanno pernottato presso la propria struttura nel periodo di riferimento, il numero dei soggetti esenti, l’imposta dovuta e gli estremi del versamento, nonché eventuali ulteriori informazioni utili ai fini del computo della stessa.

A decorrere dal 01/02/2018 la dichiarazione deve essere effettuata esclusivamente in via telematica mediante all'applicativo  messo a disposizione del Comune di Montespertoli “TouristTax” raggiungibile al seguente indirizzo:

https://tourtaxmain.servizienti.it/TourTax/?c=F648.

 

L'applicativo può essere utilizzato con due modalità alternaltive: "dichiarativa", che consente una rendicontazione trimestrale dei pernottamenti, oppure "manuale", che consente la registrazione giornaliera dei checkin e checkout con la possibilità in quest'ultimo caso di generare automaticamente i flussi per gli adempimenti relativi a Questura ed Istat.

Si precisa che in nessun caso il caricamento delle presenze sul software fornito dal Comune sostituisce gli adempimenti riguardanti l'Istat (http://turistat.provincia.fi.it/login.html) e la Questura (https://alloggiatiweb.poliziadistato.it/PortaleAlloggiati/Default.aspx).

 

Il versamento al Comune dell'imposta di soggiorno riscossa dalla strutture può avvenire:

 

  • Recandosi presso lo sportello di Tesoreria (dal 01/01/2022 Monte dei Paschi di Siena  - agenzia di Montespertoli - Piazza del Popolo n. 65  – Montespertoli) e specificando all'operatore la causale del versamento.
  • Con bollettino PagoPa generato dall'applicativo ToursitTax una volta inserita la comuicazione trimestrale (con questa modalità non sarà più necessario poi inserire gli estremi del versamento nell'applicativo TouristTax in quanto verrà acquisito e contabilizzato automaticamente dalla procedura PagoPa)

 

Tutta la documentazione relativa alla gestione dell'imposta di soggiorno deve essere conservata per 5 anni al fine di rendere possibili i controlli da parte del Comune di Montespertoli.

 

Locazioni brevi di alloggi privati

Il Consiglio Comunale, con deliberazione nr. 75 del 29/11/2017, ha apportato modifiche al Regolamento Comunale sull'imposta di soggiorno, provvedendo a disciplinare le locazioni brevi di immobili ad uso abitativo secondo le disposizioni dell'art.4 del decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito con legge 21 giugno 2017, n. 96, e prevedendone quindi l'assoggettamento all'imposta di soggiorno dal 01/02/2018.

L'articolo 4 del Decreto Legge 24/4/2017 n. 50, convertito con modificazioni dalla Legge 21/6/2017 n. 96, ha disciplinato alcuni aspetti riguardanti le locazioni brevi, intendendo per tali i contratti di durata non superiore a 30 giorni, stipulati da persone fisiche al di fuori dell'esercizio di attività d'impresa, direttamente o tramite soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, o gestiscono portali telematici mettendo in contatto domanda ed offerta di unità immobiliari da locare temporaneamente.

In particolare, il comma 5-ter dell'articolo citato ha introdotto la figura del “Responsabile d'Imposta” che viene identificato con il soggetto che incassa il canone della locazione, o il corrispettivo del servizio di ospitalità o, comunque, interviene nel pagamento degli stessi. A tale soggetto competono – oltre alla gestione dei tributi erariali - anche gli adempimenti relativi all'Imposta di Soggiorno previsti dalla legge e dai regolamenti comunali. Nei casi in cui non vi siano intermediari dovrà invece provvedere direttamente il soggetto locatore.

Per la gestione degli adempimenti previsti dal regolamento per l'imposta di soggiorno è necessario l'accesso all'applicativo “TouristTax” di cui sopra, il cui modulo per la richiesta delle credenziali, sepcifica per le locazioni brevi, è scaricabile tra gli allegati in calce alla pagina.

 

Esenzioni

Sono esenti dal pagamento dell'imposta di soggiorno:

  1. i minori fino al compimento del quattordicesimo anno di età;
  2. i pellegrini, muniti delle credenziali, che percorrono la Via Francigena;
  3. i malati ed i soggetti che assistono i dipendenti ricoverati presso strutture sanitarie del territorio, anche per il trattamento in day hospital, in ragione di un accompagnatore/genitore per paziente;
  4. gli autisti di pullman turistici e gli accompagnatori che prestano attività di assistenza a gruppi organizzati dalle agenzie di viaggio e turismo. L'esenzione si applica per ogni autista di pullman e per un accompagnatore turistico ogni 25 partecipanti;
  5. gli ospiti delle P.A. e le Forze di Polizia ed enti equiparati per esigenze di servizio;
  6. i dipendenti di strutture ricettive non residenti che lavorano nella medesima struttura ed alloggiano per motivi di lavoro;
  7. gli studenti iscritti all'Università degli studi di Firenze, con sede nei comuni del Circondario Empolese-Valdelsa;
  8. gli ospiti delle strutture ricettive che utilizzano la camera in day use;
  9. i portatori di handicap non autosufficienti, con idonea certificazione medica, e il loro accompagnatore.

 

 

torna all'inizio del contenuto