I mesi estivi per genitori che lavorano e che non hanno a disposizione un aiuto esterno sono sempre i più difficili. Già nel mese di maggio iniziano i calcoli e gli incastri per organizzare le ferie anche in base allo stop estivo delle attività educative.

L'Amministrazione Comunale, che segue con attenzione i bisogni delle famiglie di Montespertoli ha ottenuto anche quest'anno i fondi del Piano di riparto a favore delle amministrazioni comunali, dei fondi statali messi a disposizione nell'ambito del Piano di Azione nazionale pluriennale per la promozione del sistema integrato dei servizi di educazione per abbattere le rette dei servizi educativi per l'infanzia, in linea con gli scorsi anni ma soprattutto ampliare l'offerta del servizio educativo per il mese di luglio al Nido Comunale "L'Aquilone".



Questa riforma darà la possibilità di accogliere il doppio dei bambini, passando da 20 iscrizioni accolte a 40 per tutto il mese di luglio ed a tempo pieno. Il servizio è attivo da subito e sarà mantenuto per i prossimi due anni, fino all'anno educativo 2023/2024.

Circa 60.000 euro saranno quindi destinati al mantenimento delle riduzioni delle rette applicate per il nido d'infanzia comunale "Maria Grazia L'Aquilone", con un valore di sconto più alto per gli utenti collocati nella fascia Isee più bassa e all'ampliamento dei posti per il mese di luglio in virtù delle richieste pervenute dalle famiglie negli ultimi anni.

Mantenere inalterate le rette comunali, in controtendenza rispetto all'andamento dell'inflazione degli ultimi tempi e rispondere alle esigenze di tante famiglie ampliando il numero di iscrizioni per il mese di luglio al nido comunale rientra nella più ampia strategia comunale di politiche incentrate in "Montespertoli In Formato Famiglia".

torna all'inizio del contenuto