"Non numeri ma persone" il titolo della mostra fotografica che si inaugurerà alla Mostra del Chianti domenica 27 giugno, in Sala del Consiglio alle ore 17.30. Nell'occasione sarà presentato anche il libro "Figlia di una vestaglia blu" che denuncia la dimensione del lavoro femminile, tra produzione e riproduzione sociale, tra sfruttamento e rivendicazioni di classe e di genere.

Presenti le Autorità cittadine, l'autrice del libro Simona Baldanzi e il tecnico della prevenzione dell'Asl Toscana Centro Matteo Micheli.

"Quando io e la mia collega, Assessora Alessandra De Toffoli, siamo stati contattati da Claudio dell'Associazione Toffolutti abbiamo accolto questa iniziativa proponendo di inserirla anche all'interno del programma dell'evento di maggior importanza che abbiamo, la Mostra del Chianti. Infatti la tematica che richiama è estremamente importante da sempre ma, alla luce dei recenti episodi che vedono coinvolti lavoratori, anche delle nostre zone, e pure chi difende i loro diritti, deve essere sicuramente evidenziata il più possibile. Vi invito a visitare questa mostra fotografica che dà volto e anima ai numeri che ascoltiamo nei notiziari. Mi preme ringraziare la sig.ra Lucia Crudeli che si è resa disponibile a concedere il proprio locale per l'allestimento di questa mostra in Piazza del Popolo, dimostrandosi sensibile all'argomento." spiega l'Assessore alle politiche del lavoro, Paolo Vignozzi.

Organizzata dall'Associazione Nazionale Ruggero Toffolutti per la sicurezza dei luoghi di lavoro che è attiva ininterrottamente dal 1998, anno della morte del giovane operaio che le dà il nome, ucciso da un infortunio alla Magona di Piombino, oggi Liberty Steel. Lo scopo statutario é quello della sensibilizzazione e viene perseguito con numerosi strumenti. Ha ottenuto importanti riconoscimenti, l’ultimo dei quali, in ordine cronologico, il conferimento, nel dicembre scorso, dell’onorificenza di Commendatore al merito della Repubblica, attribuito motu proprio dal Presidente Sergio Mattarella a Valeria Parrini Toffolutti, attuale presidente onorario.



La mostra fotografica “Non numeri ma persone- parole e immagini di chi ha perso la vita sul lavoro” é patrocinata da Regione Toscana, Provincia di Livorno e Unicoop Tirreno. Ha lo scopo di dare un volto alle statistiche tratteggiando gli affetti e il futuro negato degli scomparsi.
Si tratta di un’iniziativa itinerante che dal 2009, anno dell’inaugurazione a Piombino, ha fatto registrare 82 allestimenti in Toscana, Emilia, Piemonte, Umbria, Lazio, Campania, Basilicata e Sardegna.

A Montespertoli si inserisce nel Progetto Fabio, realizzato in collaborazione con i familiari di Fabio Cerretani, il lavoratore morto alla Revet di Pontedera nel 2017.

La mostra sarà ospitata in Piazza del Popolo e rimarrà aperta da domenica 27 giugno fino domenica 4 luglio, dalle ore 9 alle ore 12.30 e dalle ore 15 alle 23.

torna all'inizio del contenuto